Minestra di legumi speziata

Il termine minestra deriva dal latino ministrare, ovvero servire, porgere. Il motivo deriva dal fatto che veniva distribuita e servita nel piatto, quindi la pietanza non può essere distinta dal gesto con cui viene offerta e portata a tavola. La minestra è inseparabile dal suo contenitore e ha sempre accomunato ricchi e poveri: tutti la servono e la mangiano allo stesso modo. Far trovare la minestra già nel piatto la distrugge: si privano i commensali del piacere della ministratio, in cui ognuno sceglie oggi la quantità e la consistenza desiderata.

Ingredienti per 2 persone:
240 g di ceci
240 g di lenticchie
due patate medie
due carote
due coste di sedano
olio extravergine d’oliva, sale
cumino e curcuma

Tempo di preparazione:
45 minuti

Preparate una pentola capiente e riempitela d’acqua (un litro dovrebbe bastare). Mettetela sul fuoco e aggiungete il sedano tagliato a tocchetti, le patate tagliate a grossi pezzi e le carote tagliate a rondelle. Iniziate a la cottura e quando raggiunge il bollore unite i ceci sgocciolati e le lenticchie con la loro acqua di cottura.
Se utilizzate legumi secchi considerate che vanno messi in acqua per almeno otto ore. In questo caso i tempi di cottura aumenteranno di circa 45 minuti. Aggiungete le spezie: due cucchiaini di curcuma e uno di cumino, mescolate, salate e fate cuocere a fuoco moderato e con coperchio per circa 35 – 40 minuti. Controllate che patate e carote siano cotte e siano morbide, quindi aggiustate di sale e regolate le spezie, se desiderate un sapore più forte.

Servite la minestra quando è calda e condite a piacere con olio extravergine d’oliva a crudo.