Cheesecake alle mandorle

La cheesecake è arrivata nelle nostre tavole da tradizioni molto antiche e remote. Uno dei primi riferimenti scritti è quello presente nel testo De Agri Cultura (scritto da Catone nel II secolo a.C.) in cui viene citata la placenta, un dolce realizzato con due dischi di pasta,  condita con formaggio e miele e aromatizzata con foglie di alloro.  Le versioni che oggi conosciamo sono essenzialmente due, una cotta e una cruda, ma ne esistono chiaramente moltissime versioni personalizzate. Quella che vi proponiamo consiste in tre preparazioni separate, che potete anche considerare singolarmente per modificarne alcune parti.

cheese-cake-alle-mandorle cheese-cake-alle-mandorle02

Il croccante alle mandorle
Munitevi di un pentolino in cui farete sciogliere zucchero e acqua, quindi aggiungere le mandorle continuando a mescolare finché non diventa color caramello. A questo punto versate il croccante su un piano resistente al calore, dove avrete steso un foglio di carta da forno o di silicone. Stendete bene le mandorle cercando di tenerle separate fra di loro, dunque fate raffreddare completamente. Quando è ben freddo, tenetene da parte circa 40 grammi e tritate il resto in un mixer. Se è stato steso bene parte delle mandorle saranno già sbriciolate prima.

La base della cheesecake
Sbriciolare i biscotti e tritarli velocemente con il mixer. Fare fondere il burro ed amalgamare con la spatola. Foderare uno stampo di circa 22 cm con la carta forno, comporre una base compatta dell’altezza di circa 1 cm e considerare uno spessore quasi triplo, se si desidera, in corrispondenza dei bordi. Fare raffreddare in freezer per venti minuti o in frigo per almeno il doppio del tempo.

La farcitura della cheesecake
Mettere in ammollo la colla di pesce in acqua fredda per dieci minuti. Montare con le fruste il formaggio cremoso con un cucchiaio circa di zucchero a velo, poi aggiungere l’aroma di vaniglia ed infine la polvere di croccante che avrete precedentemente tritato. A parte, montate la panna con lo zucchero rimanente e incorporatela alla crema, quindi unite la gelatina che avrete strizzato a mano. Versare la crema sulla base ormai fredda e ben compatta e livellate con una spatola. Non sbattete il composto ma piuttosto stendetelo con cura. Fate riposare in frigo o in freezer.

Al momento di servire la vostra cheesecake, tiratela fuori delicatamente dallo stampo e decoratela con il croccante che avevate tenuto da parte e con il topping di cioccolato fondente.

cheesecake_mandorle