Patate hasselback

patate-hasselback

Ricetta svedese che ebbe origine a Stoccolma, le patate hasselback prendono il nome da un ristorante che per primo inventò quella ricetta che conosciamo anche oggi e che vi proponiamo nella sua versione originale.

Pelate le patate e sciacquatele in abbondante acqua corrente. Servitevi di uno spiedino in legno per infilzarle nel senso della lunghezza e nella loro parte bassa (per intenderci, oltre la metà della patata) e tagliatele con un coltello a rondelle sottili, fino ad arrivare allo stecchino, che vi aiuterà a non arrivare fino in fondo. Rimuovete lo stecchino, mettetele su una placca da forno e spennellatele con la metà del burro fuso che avrete precedentemente preparato. Salate e fate cucinare in forno per venti minuti circa alla temperatura di 200°C. A metà cottura, tiratele fuori e spennellate ancora con il burro rimanente e cospargetele con il pangrattato. Completare la cottura per altri 40 minuti circa e servite il piatto quando è caldo.

In questo caso la crosticina non è molto evidente perchè abbiamo utilizzato una panatura di mais per una versione gluten free, ma utilizzando pangrattato ricavato da farina di grano, l’effetto “abbrustolito” è molto più evidente.

patate-hasselback